5. “Crocifissi col Crocifisso”. Antonio Ascione: Fenomeni mistici tra simbolismo, pietà popolare e rischi di derive.

ascione 1Il prof. Ascione, Docente di Filosofia, affronta il tema dal punto di vista dell’antropologia religiosa. La pluralità delle manifestazioni religiose, non solo quelle odierne, ma anche quelle del passato, ci dicono che l’uomo è per natura homo religiosus. È difficile per l’osservatore attento trovare nella vita spirituale degli uomini un fattore che abbia svolto, nel corso dei secoli, un ruolo così decisivo come la religione. Lo lasciano intendere i simboli religiosi, i racconti dei miti e le celebrazione dei riti, che costituiscono le costanti del sacro nella storia religiosa dell’umanità[1]. Precisando che questi fenomeni mistici cristiani andrebbero scomposti lessicalmente come: fenomeni; mistici; cristiani. Cioè vedere il tutto in una prospettiva simbolica con altre manifestazioni non cristiane. A mo’ di esempio ci ricorda che già Platone, Plutarco («dobbiamo noi ravvisare Tolommeo Filopatore, detto anche Trifone, cioè voluttuoso, e Gallo, secondo che riferisce l’autore del grad’Etimologico greco, perché portava le stimmate, ed impronte dell’Edera a guisa de’ sacerdoti di Cibele»[2]); («Così dunque tra frivole incertezze ed obbiezioni cavillose s’aggira Plutarco; e conchiude col sentenziare che Erodoto non solo mentisce, ma mentisce impudentemente, e senza criterio. Quelle stigmate, dic’egli, sarebbero grande difesa a Tebe contro la calunnia d’Erodoto…[3]»; Plotino (Enneidi, 4) parlavano di questi particolari fenomeni mistici. Allora viene da chiederci qual è il messaggio di quel simbolo “crocifisso” per noi cristiani? Poeticamente, e qui parla il presbitero e non il filosofo, è da vedere come una «unione mistica sponsale!». Un testo in particolare esprime mirabilmente il dialogo d’amore tra due Sposi: il Cantico dei Cantici, considerato «un continuato inno nuziale», espressione di amore umano e nello stesso tempo dell’amore tra Dio e il suo popolo, e ancora tra Dio e il fedele. Così nella storia dell’amato e dell’amata è presente la storia suprema di Dio e del suo popolo. È soprattutto «la storia di una ricerca continua: Dio cerca l’uomo e l’uomo cerca Dio». Questa fase della storia della salvezza coincide con il tempo della formazione della Sposa, Ecclesia praeformatio. La fase successiva, descritta nel Nuovo Testamento, è il momento di tale unione, quando «Cristo Sposo lascia suo Padre» per unirsi alla sua Sposa, l’umanità, quando la Parola diventa carne, quando la nuova ed eterna Alleanza, annunciata dai profeti, si realizza a Nazareth nel momento in cui l’angelo annuncia a Maria la scelta di Dio ed ella acconsente al disegno divino. Anche tutta l’attività terrena di  Gesù, esplicitata con parole e gesti: annunciare il Regno, guarire gli ammalati, risuscitare i morti, perdonare i peccatori, dare cibo agli affamati, celebrare la pasqua ebraica e la sua, può essere ricondotta alla tipologia nuziale, specialmente presa al suo culmine, la croce, altro luogo simbolico dove si consumano le nozze con la sua fidanzata. Sulla croce, «talamo, trono ed altare», Cristo «chinato il capo, spirò», e «uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua». Quest’avvenimento è interpretato unanimemente dalla Tradizione e dalla Liturgia come evento nuziale che attua quanto era stato prospettato in Genesi. A margine, ma non per vena polemica, Ascione si rammarica che il Direttorio sulla pietà popolare di questo particolare fenomeno ne parla solo al n. 90.

[1] Per un approfondimento cf. A. Ascione, Sulle tracce del sacro. Introduzione all’antropologia religiosa, passionEducativa, Benevento 2012, specialmente Il sacro della scienza delle religioni, 27-48 e Simbolo e simbolismo, 85-102.

[2] Opuscolo di Plutarco. Come discernere il vero amico dall’adulatore. Recato dalla Greca nella Italiana favella Dal D. L. V. M., Roma MDCCXCVI, Da’ Torchj dell’Ospizio Apostolico di S. Michele a Ripa, presso Damaso Petretti (Con Licenza de’ Superiori), 41.

[3] Le Nove Muse di Erodoto Alicarnasseo tradotte e illustrate da Andrea Mustoxidi (Tomo Quarto: La Polimnia ovvero Il settimo libro delle Istorie di Erodoto), Milano coi Tipi di Paolo Andrea Molina, Contrada dell’Agnello, n. 963, (1842), 288.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s