6. “Crocifissi col Crocifisso”. Giuseppe Falanga: La “lezione mistica” della liturgia.

falangaIl prof. Falanga, Docente di Liturgia, preliminarmente ricorda che la Chiesa cattolica annovera tra i Santi 14 stigmatizzati e con l’ausilio del Messale Romano e del Lezionario ricorda ai numerosi allievi presenti (ma anche ai docenti) che la liturgia non si apprende in aula ma si studia, si prega: «lex orandi, lex credendi». Divide il suo pregnante intervento in tre momenti: ricorrenza e memoria di S. Caterina da Siena, San Pio da Pietrelcina e S. Francesco nei libri liturgici. Rapporto tra Liturgia e Mistica. Conclusioni. Passa, quindi, a leggere i passi in cui il tema del convegno: il rapporto col Crocifisso, è ricordato nelle Feste o memorie dei Santi.

  Messale

 

Messale

 

Lezionario

1Gv 1,5-10

Lezionario

Gal 6,14-18

29 aprile Santa Caterina da Siena Colletta: «O Dio, che in santa Caterina da Siena, ardente del tuo spirito d’amore, hai unito la contemplazione di Cristo crocifisso e il servizio della Chiesa…»   «…Dio è luce e in lui non ci sono tenebre… Ma se camminiamo nella luce, come egli è nella luce… il sangue di Cristo… ci purifica da ogni peccato…»  
23 settembre San Pio da Pietrelcina Colletta: «Dio onnipotente ed eterno, con grazia singolare hai concesso al sacerdote san Pio di partecipare alla croce del tuo Figlio…»

 

Prefazio (embolismo): «… Tu hai posto nel cuore di san Pio il fuoco di una così grande carità per Cristo. Egli, associato alla sua passione, lo ha seguito con amore perseverando fino alla croce e ai fratelli, afflitti da pene nell’animo e nel corpo, ha rivelato incessantemente la divina misericordia».   Porto le stigmate di Gesù nel mio corpo

«Quanto a me invece non ci si altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo del quale il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo…»

4 ottobre San Francesco d’Assisi Orazione sulle offerte: «… a celebrare il mistero della croce, che segnò l’anima e il corpo di san Francesco…»

 

Prefazio (embolismo): « Tu hai innalzato san Francesco… alle vette della perfezione evangelica; lo hai infervorato di ardore serafico… e insignito delle sacre stigmate, l’hai additato al mondo quale fedelissima immagine di Cristo crocifisso nostro Signore». La Sequenza è molto bella e, seppure facoltativa, sarebbe opportuno leggerla nella forma integrale. La lettura è sempre Gal 6,14-18 ma cambia la didascalia introduttiva: “Il mondo per me è stato crocifisso, come io per il mondo”.

Il prof. Falanga ricorda quanto abbiamo perso distaccandoci dalla liturgia ortodossa per la quale la liturgia è «il cielo sulla terra». Sacramenti, Liturgia, mistero pasquale di Cristo, sono da considerare unitariamente ed inseriti nella Storia della Salvezza; per questo le caratteristiche di quest’ultima sono anche le caratteristiche dei primi, ferma restando peculiare ad ognuno le modalità di attuazione della redenzione. Così ad esempio la nuzialità che contraddistingue la relazione Dio-Israele nella generale Storia della Salvezza, contraddistingue anche il mistero pasquale di Cristo e naturalmente anche la Liturgia che si impernia sui sacramenti, in quanto ultimo momento della Storia della Salvezza. Nella Chiesa e per la Chiesa, fidanzata di Cristo, continua nel tempo l’opera della redenzione umana e della perfetta glorificazione di Dio, perché come Cristo fu inviato dal Padre, anch’egli inviò gli apostoli, ripieni dello Spirito Santo, a predicare il Vangelo a tutti gli uomini e ad attuare per mezzo della Liturgia l’opera della salvezza che annunciavano. Perché possa accadere ciò, Cristo è sempre presente nella sua Chiesa, in modo speciale nelle azioni liturgiche, ne consegue che la Liturgia è opera di Cristo e della Chiesa, dunque quella nuzialità realizzata una volta da Cristo capo è realizzata oggi da Cristo capo e membra. Nel corso dei secoli, nella Chiesa, sono tantissimi i testimoni coerenti con le parole dell’apostolo Paolo: «Perciò sono lieto delle sofferenze che sopporto per voi e completo nella mia carne quello che manca ai patimenti di Cristo[1], a favore del suo corpo che è la Chiesa»[2]. Tra gli altri, Teresa d’Avila, Teresa Benedetta della Croce, figure eccellenti dell’ordine carmelitano, hanno fatto della croce il perno della loro vita: il talamo per le nozze con Cristo. Teresa d’Avila venne favorita in vita di grazie straordinarie vissute in estasi, come racconta ella stessa: «Quel cherubino teneva in mano un lungo dardo d’oro sulla cui punta di ferro sembrava ardesse un po’ di fuoco. Pareva che me lo conficcasse varie volte nel cuore, cacciandomelo dentro fino alle viscere, che poi mi sembrava strappasse fuori quando tirava il dardo, lasciandomi avvolta in una fornace d’amore. Lo spasimo della ferita era così vivo che mi faceva uscire gemiti, ma al tempo stesso tanto elevato, da impedirmi di desiderarne la fine e di cercare altro diversivo, fuorché in Dio»[3]. Suor Teresa Benedetta della Croce, Edith Stein, visse pienamente la sua appartenenza a Cristo. Filosofa tedesca, ebrea convertita al cattolicesimo, seppe coniugare perfettamente scienza e croce. Visse la sua vocazione al Carmelo come cammino di consegna di sé, consapevole che «se ti decidi per Cristo, può costarti la vita»[4], poiché, «se vuoi sposare l’Agnello, devi lasciarti inchiodare con Lui sulla croce»[5]. Sotto il segno della croce accolse e comprese la propria vocazione al Carmelo. Ella volle collaborare a ciò che manca alla  Passione di Cristo: «è per questo che il Signore ha preso la mia vita a vantaggio di tutti. Mi viene da pensare continuamente alla regina Ester. Io sono una povera e impotente piccola Ester, però il re che mi ha scelto è infinitamente grande e misericordioso. Questa è una grande consolazione»[6]. E il Re volle prenderla per sé, lasciando che il suo amore si esprimesse nella maniera più grande: attraverso il martirio[7].

[1] Per un approfondimento si consiglia A. Clemente, Completo nella mia carne. L’aspetto salvifico della sofferenza, EDI, Napoli 2016.

[2] Col 1,24.

[3] G. Papasogli, Fuoco in Castiglia Vita di Teresa d’Avila, OCD, Roma 2006, 189.

[4] Teresa Benedetta Della Croce, Lettera del 26.6.1934. Cito da: Girardello R., Edith Stein. In grande pace varcai la soglia, OCD, Roma 1998, 256.

[5] Ib.

[6] Teresa Benedetta Della Croce, Lettera 31.10.1938. Cito da: Girardello, Edith Stein, 265.

[7] Per parte dell’articolo ringrazio Patrizia De Iulio con la quale, spero presto, intendo pubblicare: «Ti farò mia sposa per sempre». La Chiesa segno d’amore nei Sacramenti, per i tipi della EDI di Napoli.

5. “Crocifissi col Crocifisso”. Antonio Ascione: Fenomeni mistici tra simbolismo, pietà popolare e rischi di derive.

ascione 1Il prof. Ascione, Docente di Filosofia, affronta il tema dal punto di vista dell’antropologia religiosa. La pluralità delle manifestazioni religiose, non solo quelle odierne, ma anche quelle del passato, ci dicono che l’uomo è per natura homo religiosus. È difficile per l’osservatore attento trovare nella vita spirituale degli uomini un fattore che abbia svolto, nel corso dei secoli, un ruolo così decisivo come la religione. Lo lasciano intendere i simboli religiosi, i racconti dei miti e le celebrazione dei riti, che costituiscono le costanti del sacro nella storia religiosa dell’umanità[1]. Precisando che questi fenomeni mistici cristiani andrebbero scomposti lessicalmente come: fenomeni; mistici; cristiani. Cioè vedere il tutto in una prospettiva simbolica con altre manifestazioni non cristiane. A mo’ di esempio ci ricorda che già Platone, Plutarco («dobbiamo noi ravvisare Tolommeo Filopatore, detto anche Trifone, cioè voluttuoso, e Gallo, secondo che riferisce l’autore del grad’Etimologico greco, perché portava le stimmate, ed impronte dell’Edera a guisa de’ sacerdoti di Cibele»[2]); («Così dunque tra frivole incertezze ed obbiezioni cavillose s’aggira Plutarco; e conchiude col sentenziare che Erodoto non solo mentisce, ma mentisce impudentemente, e senza criterio. Quelle stigmate, dic’egli, sarebbero grande difesa a Tebe contro la calunnia d’Erodoto…[3]»; Plotino (Enneidi, 4) parlavano di questi particolari fenomeni mistici. Allora viene da chiederci qual è il messaggio di quel simbolo “crocifisso” per noi cristiani? Poeticamente, e qui parla il presbitero e non il filosofo, è da vedere come una «unione mistica sponsale!». Un testo in particolare esprime mirabilmente il dialogo d’amore tra due Sposi: il Cantico dei Cantici, considerato «un continuato inno nuziale», espressione di amore umano e nello stesso tempo dell’amore tra Dio e il suo popolo, e ancora tra Dio e il fedele. Così nella storia dell’amato e dell’amata è presente la storia suprema di Dio e del suo popolo. È soprattutto «la storia di una ricerca continua: Dio cerca l’uomo e l’uomo cerca Dio». Questa fase della storia della salvezza coincide con il tempo della formazione della Sposa, Ecclesia praeformatio. La fase successiva, descritta nel Nuovo Testamento, è il momento di tale unione, quando «Cristo Sposo lascia suo Padre» per unirsi alla sua Sposa, l’umanità, quando la Parola diventa carne, quando la nuova ed eterna Alleanza, annunciata dai profeti, si realizza a Nazareth nel momento in cui l’angelo annuncia a Maria la scelta di Dio ed ella acconsente al disegno divino. Anche tutta l’attività terrena di  Gesù, esplicitata con parole e gesti: annunciare il Regno, guarire gli ammalati, risuscitare i morti, perdonare i peccatori, dare cibo agli affamati, celebrare la pasqua ebraica e la sua, può essere ricondotta alla tipologia nuziale, specialmente presa al suo culmine, la croce, altro luogo simbolico dove si consumano le nozze con la sua fidanzata. Sulla croce, «talamo, trono ed altare», Cristo «chinato il capo, spirò», e «uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua». Quest’avvenimento è interpretato unanimemente dalla Tradizione e dalla Liturgia come evento nuziale che attua quanto era stato prospettato in Genesi. A margine, ma non per vena polemica, Ascione si rammarica che il Direttorio sulla pietà popolare di questo particolare fenomeno ne parla solo al n. 90.

[1] Per un approfondimento cf. A. Ascione, Sulle tracce del sacro. Introduzione all’antropologia religiosa, passionEducativa, Benevento 2012, specialmente Il sacro della scienza delle religioni, 27-48 e Simbolo e simbolismo, 85-102.

[2] Opuscolo di Plutarco. Come discernere il vero amico dall’adulatore. Recato dalla Greca nella Italiana favella Dal D. L. V. M., Roma MDCCXCVI, Da’ Torchj dell’Ospizio Apostolico di S. Michele a Ripa, presso Damaso Petretti (Con Licenza de’ Superiori), 41.

[3] Le Nove Muse di Erodoto Alicarnasseo tradotte e illustrate da Andrea Mustoxidi (Tomo Quarto: La Polimnia ovvero Il settimo libro delle Istorie di Erodoto), Milano coi Tipi di Paolo Andrea Molina, Contrada dell’Agnello, n. 963, (1842), 288.

1.La teologia in ascolto dell’umano

1-convegno-docenti-2017Come si può in poche parole o brevi righe descrivere le emozioni che suscitano le relazioni di Gianpiero Tavolaro che ci ha parlato di “Rivelazione di Dio e umanizzazione”, di Pierluigi Cacciapuoti con “La grazia come pienezza dell’umano” e Giuseppe Falanga “per una liturgia dell’esistenza”. L’uno e altro hanno spaziato dai concetti di immagine e somiglianza a quelli di grazia salvifica e prassi cristiana, del come è difficile declinare oggi una teologia che si occupi dell’uomo e del suo rapporto col Trascendente, quindi, il mistero di quella salvezza che ha in sé tutta la potenza della grazia divina il cui primato costituiva il cuore della teologia luterana. Gli interventi mi hanno riportato alla mente la difficoltà del credere di “Faust” che si era illuso di essere un cherubino e aveva usato in modo blasfemo la nota dichiarazione biblica dell’uomo «immagine di Dio»; di Lutero che così ironizzava: «Dev’essere un’anima insensata quella che, se fosse in cielo, bramerebbe il corpo!»; e della poca partecipazione alla vita ecclesiale perché «Contro la noia anche gli dei lottano invano» scriveva Nietzsche. Il tutto per ricordare quanto diceva il decano prof. Di Palma nel suo saluto: “Gesù nella sua vita incontra l’umano concreto”, meglio evidenziato nell’uomo descritto da san Paolo nei capitoli 5-8 della lettera ai Romani. Pascal avrebbe detto: «L’uomo non è che una canna, la più fragile di tutta la natura ma è una canna pensante. Non occorre che l’universo intero si armi per annientarlo: un vapore, una goccia d’acqua è sufficiente per ucciderlo. Ma quand’anche l’universo lo schiacciasse, l’uomo sarebbe pur sempre più nobile di ciò che lo uccide, dal momento che egli sa di morire, e sa il vantaggio che l’universo ha su di lui; l’universo invece non sa nulla»[1]. Nobiltà che nasce dall’essere “figli nel Figlio”: siamo nell’antica e superba città di Toledo, attorno all’anno 400. Nella chiesa si è da poco diffuso un Credo che, in seguito, verrà erroneamente attribuito al vescovo di Alessandria d’Egitto sant’Atanasio, morto nel 373, e sarà chiamato Simbolo atanasiano. Al suo interno c’era una frase significativa che, pur riferendosi a Cristo, delineava anche la realtà dell’uomo: «Come un solo uomo è anima intellettiva e carne, così l’unico Cristo è Dio e uomo»[2].

[1] B. Pascal, Pensieri, n. 347 ed. Brunschvicg, A. Bausola (a cura), Rusconi, Milano 1993.

[2] Cf. G. Ravasi, Breve storia dell’anima, Mondadori, Milano 2003, 179.

Ad multos annos (Possa tu vivere per molti anni ancora).

nastrino luttoQuesta è la formula di augurio che nella liturgia cattolica viene rivolta dal vescovo consacrato al vescovo consacrante. Si usa spesso come forma di augurio generico e desidero usarla oggi per commentare una celebrazione esequiale alla quale ho partecipato ieri. Giuseppe, il papà di un mio caro amico ha celebrato il suo matrimonio nel Signore e questo mio amico, frate minimo conventuale, presbitero, ha officiato la funzione religiosa. Il cristiano è l’uomo della speranza e in molti modi le comunità parrocchiali esprimono questo senso della speranza cristiana, ma ieri si è realizzato un mio sogno e desiderio legato al rito funebre: viverlo come il rito del matrimonio. Sarà stata una coincidenza ma sia il presbiterio che l’altare erano addobbate con fiori bianchi e la liturgia è stata un perenne inno di lode alla Misericordia del Padre. Nell’omelia il figlio sacerdote ha ricordato il papà come uomo giusto, vita legata alla profezia del nome: Giuseppe, come il giusto della Bibbia! Perché il pregio più grande di quest’uomo che sta parlando panim al panim (faccia a faccia) con Dio era il silenzio. In un’epoca piena di frastuoni e chiacchiere vane, Giuseppe ha saputo educare con una vita di nascondimento e umile lavoro incarnando il “testimone” di cui parlava Paolo VI. Sant’Ambrogio, Vescovo di Milano, così scriveva in occasione della morte del fratello Satiro: «Non sono stato privato dei miei rapporti con te, ma li ho cambiati: prima non ti separavi da me con la tua persona, ora sei da me inseparabile per un vincolo d’affetto; rimani con me e vi rimarrai per sempre». E così, pur nel dolore, dicono i figli, i nipoti, i parenti, al ricordo dell’indimenticato Giuseppe. L’attesa della piena partecipazione alla gloria del Figlio, getta una nuova luce sul mistero della morte ed illumina già da adesso la nostra vita, le nostre scelte. Giuseppe, unito alla Pasqua di Cristo, ci ricorda il mistero del chicco di grano che muore per non rimanere solo e produrre molto frutto (cf. Gv 12,24). Il Suo frutto non è solo la vittoria sulla morte, ma anche sulla separazione e la solitudine. Onorare la memoria dei nostri cari è vivere la fede in  questa comunione più forte della morte. Caro P. Edoardo le parole non dette puoi leggerle nei cuori e negli occhi di quanti ti stimano e ti sono vicini in questo delicato momento. Un abbraccio, in Cristo!