«Ogni anno il due novembre c’è l’usanza…»

trasfigurazione2
Siamo destinati a un futuro di luce e gloria, abituiamo già qui i nostri occhi allo splendore della risurrezione

Abbiamo saputo trasformare il Mare nostrum in mare mostrum, che ormai, stancamente, come inutile rito sacrificale, ci restituisce le innocenti vittime immolate alla stupidità e indifferenza degli uomini: un’inutile strage! E mi tornano a mente le parole del papa Benedetto XV: «a Voi, che reggete in questa tragica ora le sorti dei popoli belligeranti, siamo animati dalla cara e soave speranza di … giungere così quanto prima alla cessazione di questa lotta tremenda, la quale, ogni giorno più, apparisce inutile strage»[1]. Ho sempre pensato che in certi casi il miglior balsamo è il silenzio ma, a fior di labbra, dedico a questi nuovi angeli e ai nostri defunti queste piccole considerazioni affinché non solo il 2 novembre, ma sempre i nostri cari defunti siano a noi vicini: «Memoriam minuitur nisi eam exerceam» (La memoria diminuisce se non viene esercitata). Un vecchio monaco aveva appeso accanto al suo letto, dentro un’antica cornice tarlata, un grande cartello in cui a grossi caratteri aveva scritto di suo pugno «quando sarò in agonia, fatemi la carità di intonare questo “Salmo”: «quale gioia quando mi dissero: andiamo alla casa del Signore» (Salmo 121). Gli fa eco il Salmo 125: «… chi semina nelle lacrime mieterà con giubilo. Nell’andare se ne va e piange, portando la semente da gettare, ma nel tornare, viene con giubilo, portando i suoi covoni». É una speranza che non nasce dall’uomo né si appoggia sull’uomo. Emerge e si rivela proprio quando, a livello umano, non appare un minimo di spazio su cui ragionevolmente appoggiarla. La certezza dei covoni portati con giubilo «nel tornare» si dilata negli spazi aperti da Cristo: dalla beatitudine delle lacrime al seme gettato nel solco, alla vite potata dal Padre, dal Getsemani, dal Calvario, dal sepolcro sigillato, alla notte della risurrezione, all’ascensione in cielo, all’avvento finale dell’Agnello vittorioso. «Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me». É la promessa di Gesù per riporre nei granai del cielo i covoni della semente gettata «nelle lacrime».

Aniello Clemente.

[1] Benedetto XV, Lettera del santo padre ai capi dei popoli belligeranti, Città del Vaticano, 1 Agosto 1917, AAS IX [1917] 421-423.

Advertisements

Il piccolo Charlie… un agnello immolato!

gesù-e-lagnello.jpgActa est fabula[1] (lo spettacolo è finito), tra lungaggini, ignoranze, stupidi cavilli burocratici contrap- posti al dolore di due giovani sposi e alle attese, le speranze, le pre- ghiere di tanta gente, è calato il sipario sulla scena umana del piccolo Charlie. Paradossalmente, nell’epoca delle “comunicazioni” è mancato il dialogo: da dialogos, ossia attraverso e oltre le parole. Si fa dialogo incontrando l’altro, a contatto con il prossimo. È indos- sare i panni dell’altro e, nella logica dell’incarnazione, è compas- sione, ossia sentire, provare, pren- dere su di sé, la miseria, il peccato, dell’altro. Il dialogo è accoglienza: “Io accolgo te”, cioè un atto sponsale che apre e crea la comunione[2]. Ci conforta sapere che la vergine Madre lo sta già coccolando tra le sue amorevoli mani contendendolo a Sant’Anna e alle tante Sante madri di cui è costellato il nostro calendario. Furtivo si avvicina San Giovanni, il Battista, e dice sommessamente: «Ecco un piccolo agnello di Dio». Anche il piccolo Charlie sta a indicare al mondo Gesù Cristo quale Agnello di Dio, come colui che ha dato la sua stessa vita per la salvezza dell’umanità. Non si è trattato di indicarlo con le parole ma con la vita, spendendo tutte le sue piccole energie per stare dietro di lui, come vero discepolo, come quei “piccoli” che Gesù tanto amava! L’agnello è simbolo di docilità, di purezza, ma altresì di capro espiatorio, di colui che prende su di sé tutto il male del mondo. «Ecco l’Agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo» (Gv 1,29). Il verbo che viene tradotto con “toglie” significa letteralmente “sollevare”, “prendere su di sé”. Gesù è venuto nel mondo con una missione precisa: liberarlo dalla schiavitù del peccato, caricandosi le colpe dell’umanità. In che modo? Amando! Non c’è altro modo di vincere il male e il peccato se non con l’amore che spinge al dono della propria vita per gli altri. Agli affranti genitori posso solo ricordare che: «Quando ho pianto il mio dolore nel campo della pazienza, esso mi ha dato il frutto della felicità» (K. Gibran). Il piccolo Charlie, come Gesù, ha incarnato i tratti del Servo del Signore, che «si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori» (Is 53,4). Nel Nuovo Testamento il termine “agnello” ricorre più volte e sempre in riferimento a Gesù. Questa immagine dell’agnello potrebbe stupire; infatti, un animale che non si caratterizza certo per forza e robustezza si carica sulle proprie spalle un peso così pesante. La massa enorme del male viene tolta e portata via da una creatura debole e fragile, simbolo di obbedienza, docilità e di amore indifeso, che arriva fino al sacrificio di sé. L’agnello non è un dominatore, ma è docile; non è aggressivo, ma pacifico; non mostra gli artigli o i denti, ma sopporta ed è remissivo. E così è Gesù: così è Charlie, come un agnello! Ciao piccolo, ti vogliamo bene.

Iannucci Maria Grazia – Aniello Clemente.

 

[1] Sono le celebri parole dell’Imperatore Ottaviano che proferì poco prima di morire.

[2]Cf. E. Scognamiglio, Recensioni in Asprenas, vol. 63 (2016), 200.

Michele Sasso, Pensieri e Poesie, Scrittura & Dintorni, Torre del Greco 2017, pp. 42.

don michele sassoHo ricevuto in omaggio il libro di poesie di Mons. Michele Sasso e con somma gratitudine mi accingo a fornirne una breve recensione che non potrà mai rendere il patos che ho provato e spero, quindi, che invogli a leggere le opere dell’«uomo di Dio» don Michele, per emulare la cerva di biblica memoria e ristorare la nostra anima mentre pellegrini andiamo verso la vera Fonte. Il titolo richiama una fortunata canzone del compianto Lucio Battisti: Pensieri e parole, e infatti il libro di don Michele, si potrebbe titolare “Pensieri e Parole”: sì, perché l’Autore seppe vagliare i suoi pensieri in consonanza con la sua scelta vocazionale (cf. Sacerdoti chiamati alla stessa opera), trasformandoli in Parole, cioè la Parola divina “spezzata” per i suoi fratelli. Già dall’incipit comprendiamo la profondità di ciò che ci aspetta e, silenti, ci approcciamo al “mistero”. In Avrò una bara, infatti, attingendo alla teologia paolina, accenna a quello che sarà il destino ultimo di chi confida nel Signore: un corpo glorioso di Luce. Tema che ritorna verso la fine dell’opera con Staccarsi dalla terra e Nuovo anelito. I temi fondamentali della vita, della fede, della religione si rincorrono nel testo:

  • il senso ineluttabile del tempo (Conquista, Desiderio, Ritorno, Il Tempo);
  • il tema attuale dell’ecologia, della responsabilità dell’uomo “custode” dell’Eden terrestre (cf. le liriche in «Il rapporto tra l’uomo e il Creato»);
  • la ricerca del dialogo tra i popoli e interreligioso, e tornano alla mente Maritain (nessun uomo è un’isola) e Levinàs (la ricerca del volto dell’altro) in Omogeneità, Figli dell’unico Padre;
  • la fede e la ricerca incessante di un Trascendente si avverte in Certezza;
  • l’amore, declinato in vari modi permea Cos’è l’amore, Cuore, Madre;
  • per condurre il tutto alla via pulchritudinis con È bello.

Certo, poiché il poeta sente e “partorisce” i dolori del mondo non possiamo negare un certo influsso “leopardiano” in Invocazione alla luna o le tematiche affini a Schopenhauer in Vuoto enorme e Mi manca la Tua presenza, o la nausea di Nietzsche e il vuoto esistenziale di Heidegger che scriveva della «notte del mondo» in Sempre più freddo è il mio cuore. Ma, ovviamente, per don Michele il vaso di Pandora è il calice di Cristo e Spes, non l’ultima dea, ma la Speranza cristiana che, ricordando Peguy, procede tenendosi per mano con le sorelle Fede e Carità. Quindi non è mai un pessimismo fine a se stesso, anzi, è l’aprire il cuore al Signore che viene, come si evince in Nel regno della speranza, Seminatore è Lui, Dammi coraggio…, La speranza è la Tua bontà. Nonostante, anzi proprio perché ieri (21 marzo) è stata la Giornata della poesia, qualcuno potrebbe obiettare: “A che servono i poeti oggi?”. Specialmente in un tempo di solitudini e frammentazioni, di «società liquida», anzi rizomica, attraversato da inquietudini profonde? Rispondo semplicemente ricordando che don Michele, come «alter Christus», totalmente per Cristo, con Cristo, in Cristo, come Lui totalmente per gli altri, è ancora oggi, proprio per la sua capacità poetica di elevarsi fino all’Empireo Cielo, un segno eloquente, una testimonianza attiva. Siamo certi che il maranathà che traspare dalle sue liriche è stato il pass per farlo accedere in quella Pace da lui agognata, contemplando «panim el panim», quella Luce scritta, cantata, amata, ottenuta!

Aniello Clemente.

Buongiorno amore, buongiorno donne…

buongiorno3Un tiepido sole fa capolino oltre le nubi, per ricordarci “la quiete dopo la tempesta”: così sia per ognuno di noi. Ogni croce, ogni “Venerdì santo”, è preludio per la fantastica esperienza della Pasqua. Auguro ad ogni donna, specialmente a quelle costrette a vivere l’inquietudine del giorno e l’incertezza del domani, che sia fra quattro pareti domestiche o in un campo profughi, che la loro libertà, la loro gioia, inizi al più presto e possano guardare con rinnovata fiducia e speranza a un futuro migliore.

L’amore è un puzzle

Pensavi fosse un amore che svanisce alle prime luci dell’alba

e invece hai scoperto che il corpo ti sussurrava ciò che l’anima già sapeva!

Puoi lasciare me, ma l’amore non lascerà te.

Non completamente:

e, quando vorrai ricomporre il puzzle della tua vita,

ti mancherà sempre una tessera: me!